Cappellacci choc: “Via Provincia e ASL” (La Nuova Sardegna 05-05-2013)

articolo la nuova su ASL cappellacci

Con la grazia diplomatica di un presidente da campagna elettorale Ugo Cappellacci nasconde la mannaia dentro un mazzo di fiori. Parole dolci come miele che nasconde una sostanza amara come fiele. Il governatore in 5 minuti demolisce la Gallura, ma lo fa sempre nella certezza di fare del bene al territorio, di sostenere la sua indipendenza. «La Regione è matrigna? Tutto falso – sostiene –, è la gramigna politica a sostenere queste bugie che fanno male alla Sardegna. Noi puntiamo sulla blu economy». Tre picconate e la Provincia scompare. «La Provincia non la vogliamo abbattere – spiega –, c’è un disegno per cancellare tutte le Province. Iniziamo con le 4 abbattute dal referendum. L’ultimo termine è il 30 giugno per varare i provvedimenti che serviranno per andare oltre questi enti. Seguirà uno strumento istituzionale che cancellerà tutte le Province. Non si vuole danneggiare nessuno, ma ridurre i costi della politica». E anche l’Asl 2 si smaterializza in un attimo, l’accorpamento con Sassari è certissimo. «Oggi avete l’Asl di Olbia, prima avevate le Usl di Olbia e Tempio. Mi sembra che ora i servizi siano aumentati e la qualità cresciuta, allora si diceva che la fusione sarebbe stato uno scippo e una tragedia del territorio. Non è così. Le riforme sono fatte per migliorare i servizi e per il bene dei cittadini». Che fuori dai termini paludati e paludosi del politichese significa, via la Asl di Olbia e accorpamento con Sassari. Un uno-due capace di mandare al tappeto l’autonomia del territorio. Ma il governatore rianima il pugile suonato, con un balsamo fatto di promesse e ricordi. «Io vengo spesso in Gallura – ricorda –. Abbiamo lavorato a opere straordinarie come la Sassari-Olbia. Una infrastruttura essenziale a cui noi abbiamo dato vita con i nostri sforzi. E ora vigiliamo, dopo avere appaltato tutti i lotti, perché l’Anas porti avanti i lavori». Sul Qatar Cappellacci non ha dubbi. Sì è vero ora si parla solo di cemento, piano casa e stazzi che diventano ville, ma all’orizzonte c’è il munifico miraggio che l’emirato di sabbia e petrolio fa intravedere. Un miliardo di euro. «Uno stato straniero investe un miliardo di euro nel nostro territorio – continua –, per noi l’investimento deve andare avanti, deve essere rispettoso dell’ambiente e della volontà dei territori. Ho coinvolto i sindaci di Olbia e Arzachena nel tavolo romano in cui ci sono il Ministero dei beni culturali e il Ministero dello sviluppo economico, in cui si discute del Ppr e del master plan. Il piano del Qatar va oltre la riqualificazione dell’esistente. Va oltre la ristrutturazione degli stazzi realizzata con il piano casa. Vecchi progetti iniziati prima dell’arrivo dei qatarini».Tre mattoni di speranza anche per il San Raffaele. «Sono in contatto con il Bambin Gesù – spiega –. Esamino il protocollo che mi hanno inviato in questi giorni. Da tempo lavoriamo per definire questa pratica. E non esistono poteri forti a cui io dovrei rendere conto. Non esistono pressioni dei privati o di presunti potentati. Dimostrerò con i fatti le mie intenzioni». Il presidente si schiera contro l’arrivo del percolato. «A noi interessa l’indirizzo politico, il percorso normativo lo si costruisce. Dobbiamo respingere qualsiasi ipotesi di arrivo dei rifiuti. Abbiamo un modello che si basa sulla qualità dell’ambiente e della vita. Noi parliamo di green economy, abbiamo fatto un piano per le energie rinnovabili, abbiamo un brand che è la Sardegna come terra dei centenari. Non possiamo intaccarlo con l’importazione di navi cariche di percolato».

fonte: L. Rojch – La Nuova Sardegna

Advertisements

Un commento su “Cappellacci choc: “Via Provincia e ASL” (La Nuova Sardegna 05-05-2013)

  1. In merito alle dichiarazioni che il Presidente Cappellacci avrebbe rilasciato ieri a Golfo Aranci e che sono state riportate oggi sui media dichiaro quanto segue:
    a) Non siamo favorevoli alla soppressione immediata delle sole nuove quattro Provincie. Semmai, contestualmente, si dovranno sopprimere TUTTE le 8 Provincie sarde.
    b) Non siamo assolutamente favorevoli alla soppressione dell’ASL n.2 ed all’accorpamento con la ASL di Sassari. Si dovrà, eventualmente, PRIMA, riequilibrare il gap che ancora è presente nel territorio gallurese e poi discutere della riorganizzazione dell’assetto complessivo gestionale. Olbia si candida, per questo aspetto, ad essere sede non subalterna a Sassari.
    c) Per quanto attiene al San Raffaele, la posizione dell’Amministrazione comunale è chiara ed è stata più volte rappresentata. E’ necessaria l’immediata convocazione di un tavolo di confronto fra le parti per arrivare, in tempi rapidi, alla definizione del progetto che non può avere altro obiettivo se non quello dell’apertura di un centro di eccellenza sanitaria, di valenza regionale, secondo l’idea originaria da sempre sostenuta dalle amministrazioni comunali di Olbia.
    d) Sul piano del Qatar, l’amministrazione comunale di Olbia ha indicato alla Regione i due tecnici, dipendenti comunali, che parteciperanno al tavolo tecnico di confronto, recentemente istituito, con la finalità di approfondire, unitamente alle parti politiche delle amministrazioni comunali e regionale interessate, tutti i vari aspetti del Piano di intervento proposto e che, al momento, non è sufficientemente dettagliato.
    e) Per quanto riguarda la questione “percolato”, apprezzando l’intervento del Presidente Cappellacci, spero che la Regione, quanto prima, concretizzi un’efficace azione di contrasto rispetto al rischio che il nostro territorio regionale, a vocazione turistica, possa essere mortificato e penalizzato da scellerate operazioni che, in nome di un’improbabile profitto, arrechino un danno ben più grave all’immagine ed all’economia della Sardegna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...