Inaugurato l’Urban Center (Fonte: Il Giornale di Olbia.it Articolo di Angela Galiberti)

Urban center ok

 Ci son voluti dieci lunghissimi anni per realizzare uno dei progetti più faraonici nati nell’Era Nizzi, ma forse ne è valsa la pena. L’Urban Center è stato ufficialmente aperto alla Città di Olbia questa mattina. Il progetto, realizzato dalla Gedi – la stessa società che ha costruito l’ospedale Giovanni Paolo II, è composto da due opere fisiche: l’Urban Center vero e proprio situato sulla sponda sud del canale Zozzò e la nuova Piazza San Simplicio che verrà inaugurata domani sera. L’Urban Center è un moderno e luminoso edificio che, secondo l’idea dell’amministrazione guidata dal Sindaco Gianni Giovannelli, diventerà il cuore pulsante dell’Identità storico-culturale olbiese. “Abbiamo pensato a due modi diversi di gestire questa struttura – ha detto Davide Bacciu, assessore ai Lavori Pubblici – da una parte una esposizione permamente riguardante gli 150anni di storia della Città, dall’altra eventi dinamici sempre a sfonto culturale”. “Abbiamo molte idee – ha aggiunto Vincenzo Cachia, assessore alla Cultura – una di queste prevede l’uso di una delle ale dell’edificio per realizzare un Cafè Letterario, che ad Olbia manca”. Può la Cultura camminare da sola senza il Turismo e le Attività produttive? Ovviamente no. “Come vedere non sono le idee a mancarci, caso mai i soldi – ha rimarcato l’assessore al Turismo Marco Vargiu – siamo aperti a qualsiasi collaborazione con sponsor esterni e con le associazioni di categoria. Ci sarà spazio per le nostre produzioni enogastronomiche perchè il turista vuole conoscere la Sardegna a 360 gradi”. Ma non è tutto. Proprio per agevolare il turista, il progetto denominato Urban Center ha subìto qualche piccola modifica. “Quando abbiamo visionato le carte – ha raccontato Vargiu – ci siamo resi conto che mancavano delle piccole ma importanti cose. Abbiamo chiesto delle modifiche e le abbiamo ottenute. Adesso l’Urban Center nella sua totalità può contare su un Piano Accoglienza per i bus turistici e una serie di bagni pubblici. Una piccola cortesia per i vacanzieri che, sicuramente, farà bene alla nostra economia”. Il progetto dell’Urban Center è partito nel 2003 e risale alla cosiddetta “Era Nizzi”. “In questi dieci anni – ha sottolineato il Sindaco di Olbia Gianni Giovannelli – è cambiato il mondo, soprattutto per le amministrazioni locali. Nel 2003, il patto di stabilità non esisteva. Poi è entrato in vigore, con tutte le conseguenze del caso. L’Urban Center, con i suoi 16 milioni di euro di costi, ha pesato moltissimo sul Capitolo Primo del nostro bilancio. Solo da quest’anno, forse, riusciremo ad attutirne l’impatto. Mi preme però sottolineare che questa è un’opera realizzata in continuità amministrativa con le precedenti amministrazioni. Non bisogna mai disconoscere ciò che di buono hanno fatto gli altri. Settimo Nizzi è stato personalmente invitato a partecipare all’inaugurazione di domani. Spero nella sua presenza”. All’inaugurazione hanno parcecipato: il Sindaco Gianni Giovannelli, il vicesindaco nonchè assessore all’Urbanistica Carlo Careddu, l’assessore ai Lavori Pubblici Davide Bacciu, l’assessore alle Attività produttive e Turismo Marco Vargiu, l’assessore alla Cultura Vincenzo Cachia, l’ex assessore ai Lavori pubblici Tiziano Pinna, l’ex assessore all’Ambiente Marco Piro, i consiglieri Monica Fois – Ninni Chessa – Gianni Urtis – Niccolò Maccarrone.

Cambia Olbia! Inaugurato l’ecocentro comunale

 

Da oggi è operativa la struttura comunale, gestita dalla De Vizia, pensata per favorire e promuovere il corretto conferimento dei rifiuti da parte dei cittadini, che sarà supporto fondamentale nel passaggio al nuovo sistema “porta a porta”. Inaugurato alla presenza di due classi di alunni della scuola elementare e media, l’ecocentro vuole essere punto di riferimento per la raccolta corretta di tutti quei rifiuti che spesso vengono abbandonati nelle periferie e lungo le strade: sfalci, potature, rifiuti inerti ed ingombranti potranno essere consegnati dal cittadino gratuitamente, insieme a tutti gli altri rifiuti differenziati. A regime, sarà attivo un servizio di pesata  dei rifiuti conferiti e ad ogni conferimento verrà attribuito un punteggio, a cui corrisponderà una premialità per l’utente. I primi mille utenti che usufruiranno del servizio avranno in regalo uno shopper in cotone e una calamita con tutti i numeri utili per contattare il gestore del servizio. L’augurio è che l’ecocentro rappresenti il primo passo di un rapporto più civile dei cittadini con il problema dei rifiuti e ci aiuti a migliorare il decoro della città e la salute dei nostri ambienti.Immagine

Immagine

Iscrivetevi al nuovo servizio di Newsletter del Comune di Olbia!

Cari concittadini e non, da oggi potete iscrivervi al nuovo servizio di newsletter del Comune di Olbia.

Immagino che già tanti di voi conosceranno il servizio newsletter dell’Assessorato al Turismo, attivo da quasi due anni, che via e-mail fornisce informazioni sulle attività turistiche, culturali, spettacoli ed eventi del nostro territorio, con cadenza settimanale.

Il servizio in oggetto, invece, riguarderà tutte le attività del Comune di Olbia, del Sindaco e della Giunta, del Consiglio Comunale e degli Uffici. Un informativa che permetterà al cittadino di conoscere tempestivamente l’attività dell’amministrazione.

Non posso assicurarvi che questo servizio partirà immediatamente, sapete bene che in questo mese gli uffici sono impegnati col trasloco nella nuova sede comunale e ci vorrà un breve periodo di assestamento. Già immagino che qualcuno commenterà simpaticamente 🙂

Ma nel frattempo sarà utile raccogliere le vostre iscrizioni: è sufficiente visitare il sito del Comune http://www.comune.olbia.ot.it. Nella colonna a destra troverete il banner per registrarvi.  Lasciate nome, cognome ed indirizzo email. E, se avete piacere, dateci qui tutti i vostri suggerimenti per gestire al meglio questo nuovo servizio.

Saluti… e Buon San Simplicio a tutti!

L’Assessore al Turismo ed Attività Produttive

Marco Vargiu

Murta Maria: inaugurazione della passerella pedonale

image

Ieri sera Assessore ai LL.pp e delegata della frazione hanno inaugurato un ponte passerella con tratto di marciapiede su viale Murta Maria. L ‘opera era richiesta da tanti anni dagli abitanti della frazione per ragioni di sicurezza. I pedoni infatti, con grande pericolo, erano costretti a passare nella carreggiata del viale Murta Maria. Si ringrazia il Parroco che ha Benedetto l’opera, il sig. Miuccio Demontis, il presidente del comitato di frazione Sig. Benedetto Fois, e le numerose persone presenti.

 

 

Nuovi asfalti

Questo slideshow richiede JavaScript.

Procede il  programma di Bitumazione delle strade asfaltate in città’.  Stamane abbiamo bitumato le vie Fausto Noce, Gennargentu, e stiamo completando parte di via D’Annunzio. Nei giorni scorsi erano state già completate parte di via Gennargentu,  via Fera, parte di via S.Simplicio. Abbiamo iniziato anche la posa della segnaletica stradale , come si può’ vedere nelle foto.

 

Parco Fausto Noce : abbattimento barriere architettoniche

image

 

Il settore manutenzioni stradali in collaborazione con l’Aspo, hanno provveduto ad abbattere due barriere architettoniche sul ponte pedonale che collega via Galvani con il Parco Fausto Noce. Sono stati  eliminati alcuni parapedonali che impedivano il passaggio di carrozzine , passeggini e sedie a rotelle nonché si e’ intervenuti sullo scivolo per ridurne la pendenza. Si tratta di piccoli interventi , che ad avviso dell’amministrazione, risultano quanto mai urgenti e necessari per rendere fruibili a tutti, luoghi di socializzazione e svago come il bellissimo Parco Fausto Noce. Si  ringraziano le consigliere comunali Serena Deiana ed Enza Tucconi per  le opportune segnalazioni.

 

Cappellacci choc: “Via Provincia e ASL” (La Nuova Sardegna 05-05-2013)

articolo la nuova su ASL cappellacci

Con la grazia diplomatica di un presidente da campagna elettorale Ugo Cappellacci nasconde la mannaia dentro un mazzo di fiori. Parole dolci come miele che nasconde una sostanza amara come fiele. Il governatore in 5 minuti demolisce la Gallura, ma lo fa sempre nella certezza di fare del bene al territorio, di sostenere la sua indipendenza. «La Regione è matrigna? Tutto falso – sostiene –, è la gramigna politica a sostenere queste bugie che fanno male alla Sardegna. Noi puntiamo sulla blu economy». Tre picconate e la Provincia scompare. «La Provincia non la vogliamo abbattere – spiega –, c’è un disegno per cancellare tutte le Province. Iniziamo con le 4 abbattute dal referendum. L’ultimo termine è il 30 giugno per varare i provvedimenti che serviranno per andare oltre questi enti. Seguirà uno strumento istituzionale che cancellerà tutte le Province. Non si vuole danneggiare nessuno, ma ridurre i costi della politica». E anche l’Asl 2 si smaterializza in un attimo, l’accorpamento con Sassari è certissimo. «Oggi avete l’Asl di Olbia, prima avevate le Usl di Olbia e Tempio. Mi sembra che ora i servizi siano aumentati e la qualità cresciuta, allora si diceva che la fusione sarebbe stato uno scippo e una tragedia del territorio. Non è così. Le riforme sono fatte per migliorare i servizi e per il bene dei cittadini». Che fuori dai termini paludati e paludosi del politichese significa, via la Asl di Olbia e accorpamento con Sassari. Un uno-due capace di mandare al tappeto l’autonomia del territorio. Ma il governatore rianima il pugile suonato, con un balsamo fatto di promesse e ricordi. «Io vengo spesso in Gallura – ricorda –. Abbiamo lavorato a opere straordinarie come la Sassari-Olbia. Una infrastruttura essenziale a cui noi abbiamo dato vita con i nostri sforzi. E ora vigiliamo, dopo avere appaltato tutti i lotti, perché l’Anas porti avanti i lavori». Sul Qatar Cappellacci non ha dubbi. Sì è vero ora si parla solo di cemento, piano casa e stazzi che diventano ville, ma all’orizzonte c’è il munifico miraggio che l’emirato di sabbia e petrolio fa intravedere. Un miliardo di euro. «Uno stato straniero investe un miliardo di euro nel nostro territorio – continua –, per noi l’investimento deve andare avanti, deve essere rispettoso dell’ambiente e della volontà dei territori. Ho coinvolto i sindaci di Olbia e Arzachena nel tavolo romano in cui ci sono il Ministero dei beni culturali e il Ministero dello sviluppo economico, in cui si discute del Ppr e del master plan. Il piano del Qatar va oltre la riqualificazione dell’esistente. Va oltre la ristrutturazione degli stazzi realizzata con il piano casa. Vecchi progetti iniziati prima dell’arrivo dei qatarini».Tre mattoni di speranza anche per il San Raffaele. «Sono in contatto con il Bambin Gesù – spiega –. Esamino il protocollo che mi hanno inviato in questi giorni. Da tempo lavoriamo per definire questa pratica. E non esistono poteri forti a cui io dovrei rendere conto. Non esistono pressioni dei privati o di presunti potentati. Dimostrerò con i fatti le mie intenzioni». Il presidente si schiera contro l’arrivo del percolato. «A noi interessa l’indirizzo politico, il percorso normativo lo si costruisce. Dobbiamo respingere qualsiasi ipotesi di arrivo dei rifiuti. Abbiamo un modello che si basa sulla qualità dell’ambiente e della vita. Noi parliamo di green economy, abbiamo fatto un piano per le energie rinnovabili, abbiamo un brand che è la Sardegna come terra dei centenari. Non possiamo intaccarlo con l’importazione di navi cariche di percolato».

fonte: L. Rojch – La Nuova Sardegna

I ragazzi dell’ Amsicora di Olbia arrivano secondi nella prima tappa della “Remata Della Gioventù ”

Prima vera grande prova di sport, mare, simpatia, in vista della sfida dell’8giugno. Bravi tutti, grandi i ragazzi dell’Amsicora!!

Murta Maria: 6 assessori e la delegata del Sindaco incontrano gli abitanti della frazione.

image image

 

Venerdi 03 maggio si è svolto un incontro nella frazione di Murta Maria organizzato dal comitato di quartiere presieduto dal Sig. Benedetto Fois, a cui hanno partecipato oltre alla delegata di frazione arch. Monica Fois , gli assessori alla sicurezza Dott.ssa Ivana Russu, alla Pubblica Istruzione Dott. Natale Tedde, all’Urbanistica  Avv. Carlo Careddu, all’ambiente Dott.ssa Giovanna Spano, ai Servizi Sociali Dott. Rino Piccinnu e ai Lavori Pubblici Avv. Davide Bacciu. Tra i tanti temi trattati si segnalano: esposizione del  progetto della nuova casa comunale di Murta Maria ; Richiesta dell’amministrazione comunale ad Anas della Casa Cantoniera; nuova passerella e tratto di marciapiedi su V.le. Murta Maria; ordinanza nuova regolamentazione del traffico in via Maltineddu; prossimo avvio del Mercato settimanale; discussione in merito alle problematiche attinenti il plesso scolastico della frazione; aggiornamento sui lavori del Ponte di Padrongianus; illustrazione ordinanza antincendio; richiesta istituzione della figura ausiliare del ” nonno vigile” ; sfalci degli standard comunali; progettazione tratto di marciapiede su viale Murta maria; problema  raccolta acque bianche su V.le Murta Maria; manutenzione ordinaria strade bianche e asfaltate; piano di risanamento; Piano Utilizzo dei Litorali; PUC; esposizione dei servizi offerti dall’assessorato ai servizi sociali.

Si ringrazia il comitato ed il ristorante Murta Maria per la cortese accoglienza .